Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pizza ai fiori di zucca

Sabato scorso, mentre facevo la spesa dal fruttivendolo, ho visto dei fiori di zucca freschissimi, erano ben chiusi, riuniti a mazzetto e avvolti da una larga foglia che ne nascondeva la base. Li ho comprati e portati a casa. Quando ho tolto l'involucro mi sono resa conto che la maggior parte erano fiori femminili, con la piccola tenerissima zucchina attaccata al fiore. Forse non tutti sanno che di solito vengono recisi solo i fiori maschili, i quali crescono su un peduncolo senza portare frutti, mentre quelli femminili si lasciano sulla pianta per consentire alle zucchine di crescere e maturare. Inoltre è facile distinguerli in quanto i fiori maschili hanno un pistillo lungo e sottile che reca su di sé il polline necessario alla fecondazione, mentre quelli femminili hanno un pistillo piccolo, liscio e di forma arrotondata. Tornando alla ricetta: ero molto indecisa su come prepararli, ma era sabato, e di sabato la parola d'ordine è "pizza". Quindi ho messo le mani in pasta e questo è ciò che ne è venuto fuori. 
Stampa la Notizia

Farine Varvello


La tradizione mugnaia dell'azienda Varvello inizia negli anni '30. Dalle colline del Monferrato  fino al cuore di Vigevano, da generazioni i Varvello si dedicano con passione alla selezione dei grani migliori e alla scelta delle tecniche più raffinate per andare un passo "oltre" le conoscenze acquisite. Da sempre improntato alla ricerca, oggi il laboratorio dell'azienda è specializzato nello sviluppo di farine speciali. Partendo da cereali selezionati e lavorati con processi scientificamente validati, queste farine vengono formulate con ingredienti ad alto valore "nutraceutico": significa che, una volta trasformati in prodotti da forno, sono capaci di nutrire e al tempo stesso agire positivamente per la salute. In un'era in cui cresce l'interesse per un'alimentazione sana, non solo "light", cioè "non nociva" ma che aiuti attivamente l'organismo a rimanere in salute, Varvello ha proposto, per primo, farine speciali arricchite con sostanze totalmente naturali che agiscono per il benessere e, in particolare, contro l’invecchiamento cellulare, destinate alla creazione di prodotti da forno come pane, pasta, pizza e dolci ad alto potere antiossidante: la linea Giovane. Le miscele, formulate con antichi cereali, grano khorasan Kamut e avena, estratti d’uva e di oliva, vengono raggruppate in quattro categorie principali di prodotti:

Gli ingredienti

Farina integrale di Kamut: azione antiossidante.
Il Kamut è l’antenato del grano moderno. Coltivato già migliaia di anni fa nella Mezzaluna Fertile, tra Mesopotamia ed Egitto, contiene il 40% di proteine in più rispetto al grano tradizionale. Ha inoltre una percentuale elevata di aminoacidi, vitamine e minerali antiossidanti naturali, come il selenio, che contribuisce a prevenire tumori e malattie cardiache e combatte i radicali liberi. La farina integrale, macinata a pietra, permette di mantenere inalterate tutte le proprietà.
Germe di Grano: ricco in minerali e vitamine.
Il germe di grano è il "cuore" del chicco, cioè l'embrione della pianta di grano. Ricchissimo di vitamina E, dalle note proprietà antiossidanti e anti-radicali liberi, il germe di grano contiene anche minerali (rame, calcio, manganese, fosforo e magnesio), vitamine del gruppo B e omega 3. 
Farina di Lino: omega 3 e vitamine gruppo B.
Da un punto di vista nutrizionale la farina di Lino è ricca di omega 3, proteine e vitamine B1, B2, F. Si ottiene dalla lavorazione del lino con innovativi procedimenti a crio-macinazione (cioè conservando basse temperature), per mantenerne inalterate le proprietà.
Estratti di Polpa d’Oliva e di Uva Rossa del Bordeaux: azione antiossidante più forte.
I polifenoli, presenti nella polpa d'Oliva e di Uva Rossa del Bordeaux, sono antiossidanti naturali, utili per prevenire l'ossidazione delle lipoproteine e per combattere i radicali liberi, principali responsabili dell'invecchiamento. 100g di Pan Giovane apportano gli stessi polifenoli di un bicchiere di vino rosso o di 100ml d'olio d'Oliva.
Sale integrale di Mothya: magnesio, iodio e potassio.
Originario della zona fra Trapani e Marsala e conosciuto fin dall'epoca fenicia, è uno dei sali più pregiati (è stato riconosciuto presidio SlowFood) ed è particolarmente ricco di magnesio, iodio e potassio.

L'azienda Varvello produce una vasta gamma di farine per panificazione, pizzeria e pasticceria, destinate agli operatori del settore. Oggi si affaccia anche al mondo di "chi fa in casa" attraverso il suo Negozio Giovane


uno shop on line dove è possibile acquistare le farine della linea Giovane e riceverle comodamente a casa.
Visitando il sito www.farinevarvello.com troverete inoltre tante altre informazioni sull'azienda e i suoi prodotti.

Ringrazio Farine Varvello per la campionatura che mi ha inviato e che ho già avuto modo di provare e apprezzare. A presto, con nuove ricette!


Stampa la Notizia

Filetto di maiale Nero di Calabria con funghi e tartufo

Oggi voglio parlarvi di un'eccellenza della mia terra: il Suino Nero di Calabria. Appartiene al gruppo delle razze suine autoctone italiane, e purtroppo nella metà degli anni Settanta ha rischiato l’estinzione, a causa del ricorso all'allevamento seriale che consentiva una migliore resa quantitativa a discapito della qualità. A differenza di altre razze, infatti, il maiale nero è più lento nella crescita e per sua stessa natura necessita di vivere allo stato brado o semi-brado. Attualmente è in corso il suo recupero, grazie all'impegno di alcune aziende suinicole calabresi, per lo più a conduzione familiare, che si dedicano con passione e competenza a curarne l’allevamento al pascolo di montagna, dove l’alimentazione è costituita in prevalenza da ghiande, castagne, erbe e radici. Questi animali hanno la caratteristica di possedere una carne magra, ricca di omega-3 e omega-6, ottima per la produzione della soppressata e di altri pregiati insaccati ottenuti dalla lavorazione artigianale delle loro carni.
Qualche giorno fa nel banco della macelleria ho visto questo piccolo filetto pronto da cuocere, già avvolto nelle fettine di pancetta fresca, e non ho esitato ad acquistarlo. Arrivata a casa ho deciso di cucinarlo nel modo più semplice possibile e di accompagnarlo con un trito di tartufi neri e funghi.
Stampa la Notizia

Crostata di frutta fresca con marmellata e amaretti

Rieccomi dopo qualche giorno di assenza, è un periodo di alti e bassi, vorrei fare tante cose ma sembra che ogni volta il diavolo ci metta la coda, come si suol dire. Oggi vi propongo una ricetta semplice che però voglio comunque condividere con voi, soprattutto perché per realizzarla ho utilizzato farina di Enkir. L'enkir è un antico cereale selvatico, è considerato il padre dei cereali ed è altamente biologico, per il suo basso impatto ambientale e perché non necessita di alcun aiuto di concimazione o trattamento da parte dell’uomo; la sua farina ha un colore giallo naturale e, trattandosi di un cereale molto gustoso, esalta tutto il suo sapore nelle preparazioni semplici. Ha un alto contenuto proteico e viene utilizzato soprattutto nella panificazione, ma anche in pasticceria; io ho voluto provarlo nella mia pasta frolla e mi è piaciuto molto. La ricetta naturalmente può essere realizzata con altri tipi di farina, e con frutta diversa da quella che ho utilizzato io; la presenza degli amaretti, oltre ad apportare il caratteristico sapore, contribuisce ad assorbire l'umidità della frutta che cuoce all'interno del dolce. Con queste dosi si può preparare una piccola crostata: diciamo pure che quattro persone possono farla sparire in una giornata, tra colazione e merenda :-)
Stampa la Notizia

Bavarese cioccolato e caffè


Con le temperature decisamente gradevoli che stiamo avendo in questi ultimi giorni è ritornata la voglia di dolci più freschi. Era da un po' che non preparavo una bavarese, così ho deciso di rimediare. Questa ricetta non prevede sicuramente una realizzazione veloce, ma se vi piace l'abbinamento cioccolato e caffè provatela, non resterete delusi. Buon fine settimana a tutti!
Stampa la Notizia

Risotto allo zafferano con carciofi speck e cialda di parmigiano

Era da un po' di tempo che non preparavo un risotto; ieri a metà mattinata, mentre mi ponevo la classica domanda "Cosa cucino oggi?" questo pensiero mi è passato per la mente. L'idea ha preso corpo conversando sulla mia pagina Facebook con una persona che era on line in quel momento, io ci ho messo il risotto e i carciofi, Rosa mi ha suggerito lo speck, avevo già in casa tutti gli ingredienti e così  .. ecco a voi il mio pranzo di ieri.
Stampa la Notizia

Cake al pistacchio e cioccolato bianco

E' chiamato "oro verde", è anche Presidio Slow Food e gode della Denominazione di Origine Protetta: è il pistacchio di Bronte, ed io lo adoro! E allora, concedetemi di proporvelo in questo soffice cake, reso ancora più goloso dall'abbinamento con il cioccolato bianco. In questo pomeriggio di domenica, una domenica in cui la Primavera sembra essere scoppiata in tutta la nostra penisola, isole comprese, questo è l'orario giusto per gustare una fettina di dolce, accompagnata da un liquore delicato e cremoso, servito ben freddo. Tutto a base di pistacchio, ovviamente. E poi, si va fuori a fare una bella passeggiata e a godersi gli ultimi raggi di sole prima che arrivi la sera. Buona Domenica a tutti.
Stampa la Notizia

FIP - Federazione Italiana di Pasticceria, gelateria e cioccolateria

La Federazione Italiana Pasticceria Gelateria Cioccolateria è un'associazione Nazionale nata per rafforzare la collaborazione tra scuole, grossisti, associazioni, imprese del settore pasticceria, gelateria e cioccolateria presenti sul territorio italiano, nonché per promuovere il Made in Italy. Oltre alla formazione professionale, l'associazione si occupa di organizzazione di eventi, fiere, manifestazioni, di promozione e sviluppo del comparto artigianale tipico di ogni regione d'Italia.  
Al suo interno vanta la presenza di un albo d'oro composto da numerosi membri della Federazione, denominato "Equipe Eccellenze Italiane Pasticceria Gelateria Cioccolateria", unico team in Italia di professionisti riconosciuti nel panorama internazionale, che hanno collezionato oltre 580 medaglie d’oro in concorsi Internazionali e Mondiali.
Per conoscere meglio tutte le attività svolte, e molto altro ancora, basta accedere al sito ufficiale della FIP 

Di recente la Federazione ha lanciato una bellissima iniziativa rivolta al mondo dei Food Blogger:
l' Approvazione Ufficiale FIP
Sono rimasta particolarmente colpita dalle parole utilizzate per descrivere l'iniziativa, parole che riporto fedelmente:
I Blogger sono artisti della rete, ma pure mamme, donne e uomini con tanta passione per il food, appassionati di food photography bloggers ma anche giovani pasticceri e cuochi ad inizio carriera che tramite un “Diario Online” popolano internet e ogni giorno postano con tanta passione e costanza la loro pietanza e le loro ricette. Persone che condividono e collaborano. Persone che a noi della FIP piacciono molto!

Questa è solo una parte di ciò che è stato pubblicato nella pagina ufficiale dedicata ai Food Blogger Approvati FIP che potete trovare a questo link:

Così ho deciso di tentare, ho proposto la mia candidatura, e con mia grande sorpresa ho ricevuto una mail nella quale mi veniva comunicata l'approvazione del mio blog da parte della Federazione Italiana di Pasticceria !!!!
Sono onorata di aver ricevuto un riconoscimento così prestigioso. Farò il possibile per esserne all'altezza. Cos'altro aggiungere?
GRAZIE

Stampa la Notizia

Melanzane al forno alla pizzaiola

Oggi niente dolci, vi lascio una ricettina semplice, di quelle salvacena, che ho scopiazzato da una bravissima cuoca: sulla pagina Facebook Il paradiso del gusto ho trovato la sua ricetta di melanzane alla pizzaiola; mi ha incuriosito soprattutto per la cottura, da fare esclusivamente in forno, ed ho voluto provarla subito. Sono così leggere e saporite, che non potevo non pubblicarle su questo mio diario di cucina. Grazie Debora !
Stampa la Notizia

Lodigrana: Bella Lodi e Raspadura di Bella Lodi


Una novità assoluta che viene dal passato: Bella Lodi, il formaggio stagionato a pasta dura dalla caratteristica crosta nera, nasce da un'azienda leader nel settore caseario, Pozzali, che nel 1998 acquisisce la nuova ed attuale ragione sociale: Lodigrana. L'azienda si occupa di produzione e stagionatura di formaggi, e della loro distribuzione su tutto il territorio italiano. 
Il segreto dell'azienda è semplice: basta essere nati in una famiglia da sempre legata all'agricoltura nel cuore della valle padana, dove i prati stabili, seminati per la prima volta nel medioevo dai monaci cistercensi della Abbazia del Cerreto, non sono mai stati arati da allora. In più, un ingrediente fondamentale: il latte, controllato tutto l'anno verificando con gli allevatori l'alimentazione delle bovine, la loro salute e benessere, le condizioni di trasporto di questo "oro bianco" fino alla tavola. E' solo così, con la garanzia di una azienda dotata di grandi tradizioni nella tecnologia alimentare, che si può gustare un distillato dell'arte casearia italiana.
Il formaggio Bella Lodi, dal colore bianco e profumo intenso e fragrante, nasce dalla grande tradizione casearia del grana lodigiano, il capostipite di tutti i formaggi grana. Oggi Bella Lodi viene fatto senza "lisozima" ed è quindi un alimento di altissima qualità, assolutamente naturale e genuino, ad alta digeribilità, adatto a tutti, dai bambini agli anziani e anche agli intolleranti al lattosio.
La Raspadura di Bella Lodi è un prodotto tipico unico e raro, in quanto assolutamente artigianale. La forma di formaggio "giovane" viene sfogliata a mano da un casaro esperto con una lama speciale, creando soffici sfoglie lunghe e compatte. Si scioglie in bocca, e il suo aspetto è altamente scenografico e decorativo. E' l'ideale accompagnamento ad antipasti e aperitivi, spesso viene associata a salumi, noci, funghi e insalate. Perfetta per insaporire e decorare piatti di carne o primi piatti, ma anche per farcire tramezzini e panini, grazie alla sua compattezza e sofficità.
A presto con nuove ricette!

Stampa la Notizia

Cake al cioccolato, nocciole e amaretti alla nocciola

Buon pomeriggio a tutti. Vorrei proprio recuperare quelle pause che mi sono presa ultimamente tra un post e l'altro, e così dopo aver pubblicato una ricetta l'altro ieri e poi una ieri, ne pubblico una anche oggi! M'è tornata la voglia di preparare e di fotografare, eeeehhh mi dispiace per voi ma si tratta di cose caloriche, moooolto caloriche, per la maggior parte. Amanti del cioccolato, venite a me. Gustiamo insieme una fettina di questo dolce. 
Stampa la Notizia

Spaghetti integrali con alici e pomodorini

E' già quasi ora di pranzo, ma un piatto così si realizza davvero in un niente, si mette sul fuoco l'acqua per la pasta e mentre questa cuoce è pronto pure il condimento. Qualche giorno fa avevo comprato delle ottime alici fresche: ora è un periodo buono per acquistare le alici, si trovano belle grandi, in primavera si avvicinano alle coste per deporre le uova e la pesca è molto ricca. Ho l'abitudine di comprarle, pulirle e congelarle a piccole porzioni, già sfilettate, e quando decido di cucinarle ce le ho già pronte, si scongelano in pochissimo tempo. 
Stampa la Notizia

Plumcake allo yogurt e fragole

Buongiorno a tutti e buon inizio di settimana. Da qualche tempo sono latitante. Sono in uno di quei periodi in cui verrebbe da dire: "Voglia di fare, saltami addosso". Sarà la primavera ... sì, perché, anche se guardando il cielo non sembra, ufficialmente siamo in primavera! Non è che la mia cucina sia chiusa, naturalmente continuo a preparare pranzi e cene tutti i giorni, ma la mia macchina fotografica è rimasta a riposo. Ogni volta che c'è un cambio di stagione c'è una fase di transito, nella quale frutta e verdura della stagione precedente oramai non sono più un granché e quelle della stagione nuova non sono ancora nel pieno della loro maturazione. I banchi del mercato espongono molta merce proveniente da paesi lontani e a prezzi alti. Quindi finisco per comprare (e di conseguenza preparare) più o meno sempre le stesse cose. Per fortuna qui da me sono arrivate già da tempo delle ottime fragole, di provenienza italiana, e queste le sto acquistando spesso. Laddove il proverbio dice "Una rondine non fa Primavera" io oserei dire che per me "Una fragola fa Primavera", perché porta gusto e colore in tavola e mi fa percepire l'arrivo della bella stagione, a dispetto del tempo capriccioso che vuole ritardarla.  
La ricetta che vi propongo oggi non è del tutto nuova; è un rifacimento di questa ricetta con qualche piccola variazione (ho messo un po' di farina in più, ho usato zucchero bianco al posto di quello di canna e olio e.v.o. al posto del burro). Uso raramente l'olio nei dolci, in genere preferisco il burro, ma stavolta ho voluto provare ad utilizzare un ottimo olio extravergine, dal sapore fruttato. Certamente la sua presenza confluisce un sapore molto diverso rispetto al burro, e tutto dipende come sempre dai gusti individuali, ma a me il risultato è piaciuto. 
Stampa la Notizia

Pollo con peperoni e pomodori

Rieccomi dopo qualche giorno di assenza, dovuta in parte all'influenza che mi ha fatto un regalino proprio nella settimana di Pasqua, e in parte ad altri impegni che mi hanno tenuta lontana dal blog. 

Oggi riparto con una ricetta davvero molto semplice, e colgo l'occasione per parlarvi di un'azienda che ho avuto modo di conoscere tramite un evento organizzato dall'azienda stessa attraverso la propria pagina Facebook, a cui ho partecipato con una mia ricetta che ha poi avuto l'onore di essere scelta tra le tante ricette partecipanti, e grazie alla quale l'azienda mi ha fatto omaggio di uno dei suoi ottimi prodotti: una padella diam.24, completa di coperchio in alluminio, del brand CRAFOND.
Crafond è un' azienda Italiana e produce le sue pentole in Italia. Le pentole Crafond sono create in un'unica fusione di lega d'alluminio di primissima qualità, utilizzando la tecnica della "fusione per gravità". L'alta conduttività termica dell'alluminio e lo spessore differenziato consentono un'eccellente cottura degli alimenti. I prodotti Crafond sono rivestiti di vernice antiaderente sia all'interno che all'esterno; il rivestimento viene applicato in 3 strati e questo permette la indeformabilità e la perfetta planarità del pezzo, la notevole durata dell'antiaderente, l'ottima conducibilità termica.
Ho avuto modo di constatare personalmente i vantaggi dell'uso di una pentola Crafond, si tratta di un metodo di cottura 1) più salutare 2) più veloce 3) più economico 4) più pratico.

Con pochi semplici ingredienti, tra cui l'ottimo olio dell'azienda Villa D'Orri e i gustosi pomodori dell'azienda Valgrì, ho portato in tavola in poco tempo un piatto saporito che ha risolto la cena. 
Stampa la Notizia
Template by Dlmdesign.it