Cheesecake leggera allo yogurt con fiocchi di cereali

Oggi parliamo dei
fiocchi di cereali
che ritroviamo soprattutto sulle tavole della prima colazione, ma noi di Light and Tasty vogliamo suggerirvi come impiegarli, con un po' di fantasia, anche nella preparazione di pietanze dolci e salate.
Non dimentichiamo che il cereale che portiamo nella nostra alimentazione è un seme, e come tale ha la capacità di dare vita ad una nuova pianta, quindi porta con sé tantissime proprietà nutritive. Carboidrati, proteine, fibre, vitamine, sali minerali ed enzimi sono racchiusi in un piccolo chicco che purtroppo quando subisce il processo di raffinazione perde in qualche misura il contenuto nutrizionale. Ecco perché è preferibile consumare cereali integrali o comunque poco raffinati. 
I fiocchi di cereali vengono prodotti attraverso una macchina chiamata fioccatrice che, schiacciando i chicchi, li rende maggiormente masticabili e digeribili. I più famosi sono i corn flakes, ottenuti dalla cottura a vapore dei chicchi di mais e, a seguire, dal passaggio nella fioccatrice e dalla ulteriore cottura al forno, che li rende asciutti e croccanti (metodo messo a punto da William Keith Kellog negli USA nel lontano 1894). Ugualmente diffusi sono poi i fiocchi d'avena e il muesli; quest'ultimo è originario della Svizzera tedesca ed è sostanzialmente una miscela di fiocchi tostati, frutta secca e frutta disidratata a cui però nella produzione industriale vengono aggiunti zuccheri, oli vegetali, aromi e conservanti (perciò il consiglio sempre valido è quello di leggere bene le etichette dei prodotti che andiamo ad acquistare).
Per l'appuntamento odierno io vi suggerisco una preparazione dolce: una versione light di cheesecake senza cottura. Preparata in un bicchiere diventa uno sfizioso dessert monoporzione, più pratico da servire e anche da gustare.
La cheesecake, come sappiamo, è una torta fredda formata da uno strato di pasta, solitamente ottenuto miscelando biscotti secchi tritati e burro fuso, che fa da base ad una crema di formaggio fresco, reso dolce dall'aggiunta di zucchero. Per renderla più leggera ho sostituito i biscotti con fiocchi di cereali integrali e per la crema, che non ho dolcificato, ho usato lo yogurt al posto del formaggio. Una piccola quantità di confettura, bio e senza zuccheri aggiunti, apporta quel che basta di dolcezza e il buon sapore della frutta; un tocco di frutta fresca completa poi il gusto e la presentazione di questa leggerissima cheesecake al bicchiere senza burro e senza panna.
Ecco come prepararla:


Cheesecake al bicchiere con yogurt e cereali

Ingredienti (per 4 bicchieri)
250 g di yogurt bianco magro
2 g di colla di pesce (1 foglio)
un cucchiaio di latte
100 g di fiocchi di cereali integrali 
Fiordifrutta Limoni - Rigoni di Asiago
4 fragole fresche

Ammorbidire la colla di pesce in acqua fredda, poi strizzarla, trasferirla in una ciotola con il latte e far sciogliere ponendo nel microonde per pochi secondi. Unirla allo yogurt e mescolare bene.



Porre sul fondo di ciascun bicchiere un cucchiaio abbondante di cereali, versare al centro un cucchiaino di Fiordifrutta Fragole e Fragoline e ricoprire con due cucchiai di yogurt.


A questo punto versare, sempre al centro, un cucchiaino di Fiordifrutta Limoni, ricoprire con un cucchiaio di cereali ed infine con due cucchiai di yogurt. Decorare ogni bicchiere con una fragola fresca tagliata a ventaglio e pochi fiocchi di cereali in superficie.


Far rassodare in frigorifero per qualche ora prima di consumare.




Andiamo a scoprire cosa ci propongono le altre amiche del team 😋

Commenti

  1. Che bicchierino veramente goloso, per merenda me lo mangerei proprio volentieri! Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  2. E' una meraviglia Maria Grazia, leggera e squisita! Bacione a presto :)

    RispondiElimina
  3. Ehm...ho il cucchiaio in mano, posso?????
    Dei bicchierini favolosi ^_^
    Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  4. ma che bicchieri buonissimi, come resistere? Ottimi e leggeri! bellissima ricetta! Un bacione!

    RispondiElimina

Posta un commento