Pasticcini alle mandorle

Questi pasticcini alle mandorle morbidi e facilissimi sono una rinomata specialità della pasticceria siciliana. Profumati e golosi nella loro semplicità, possono essere preparati in casa con ottimi risultati, seguendo alcuni accorgimenti.
In primo luogo, come sempre, c'è la buona qualità della materia prima utilizzata. Qui ho usato una buona farina di mandorle già pronta che ho miscelato con zucchero a velo; in alternativa è possibile frullare le mandorle spellate (meglio se preventivamente tostate) insieme allo zucchero (quest'ultimo assorbe l'olio che fuoriesce dalle mandorle ed evita che si riducano in poltiglia), adoperando zucchero semolato e avendo cura di azionare il mixer ad intervalli brevi. 
Piccolo segreto: la presenza del miele, che raffreddandosi non cristallizza come invece avviene per lo zucchero e che perciò rende i pasticcini più morbidi. 
Un'altra componente importante è poi la pasta d'arancia, che si ottiene frullando delle semplici scorzette d'arancia candite; serve per apportare quell'aroma particolarissimo, tipico dei pasticcini alle mandorle siciliani, ma se proprio non amate i canditi, in alternativa, potete aggiungere all'impasto la buccia grattugiata di una piccola arancia non trattata.
Bisogna poi tener presente che la quantità di albume da utilizzare è estremamente variabile: molto dipende da quanto è acquoso l'albume delle uova che si hanno a disposizione, perciò è meglio aggiungerlo un po' per volta, mescolando man mano, fino ad ottenere la giusta densità del composto.
Concludo dicendo che nella pasta di mandorle molti usano mettere mandorle e zucchero in pari quantità, ma io la preferisco meno dolce. Potete eventualmente aumentare la quantità di zucchero indicata in questa ricetta, secondo i vostri gusti.
Inoltre, se non potete o non volete usare il sac à poche, con questo impasto è possibile formare dei pasticcini di forma tonda e schiacciata usando le mani, dopo averle inumidite con un po' d'acqua.
E ora... gradite un pasticcino?



Pasticcini alle mandorle morbidi facilissimi

Ingredienti (per 20/22 pz)
200 g di farina di mandorle
125 g di zucchero a velo
70/80 g circa di albume d'uovo
10 g di miele (io Mielbio Arancio Rigoni di Asiago)
aroma alle mandorle
1 cucchiaio di pasta d'arancia 
zucchero semolato q.b.
ciliegie candite e mandorle intere q.b.


Miscelare la farina di mandorle con lo zucchero a velo. Versare l'albume leggermente battuto, unire l'aroma alle mandorle (io ho usato metà fialetta Paneangeli), il miele e la pasta d'arancia (o la buccia d'arancia grattugiata). Mescolare con una spatola, aggiungendo se necessario un altro po' di albume. Bisogna ottenere un impasto ben sodo ma anche cremoso quanto basta per poter utilizzare la sacca da pasticceria. Se è troppo duro non riuscirete neanche a 'spremerlo', se è troppo liquido i pasticcini non manterranno la forma.


Foderare la teglia con carta da forno. Trasferire il composto nel sac à poche con beccuccio a stella. Formare i pasticcini sulla carta da forno distanziandoli l'uno dall'altro.


Spolverare in superficie con zucchero semolato, mettere al centro di ciascun pasticcino mezza ciliegia candita e/o una mandorla intera (io preferisco quelle non spellate).
Lasciar asciugare nella teglia per almeno 8 ore, meglio se in frigorifero.


Preriscaldare il forno a 180°C e cuocere i pasticcini per circa 15 minuti, o comunque fino a quando risulteranno dorati in superficie (dipende dal proprio forno).


Far raffreddare e staccarli dalla carta da forno, mettendoli ad asciugare ulteriormente su una gratella.


I pasticcini alle mandorle si conservano bene per diversi giorni; possiamo anche riporli in una scatola di latta (come per i normali biscotti).

Commenti

  1. Che delizia questi biscottini, sento il profumo fino a casa mia! Bravissima, un abbraccio.

    RispondiElimina

Posta un commento