Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cheesecake allo yogurt con composta di fragole e pistacchi tritati

Cheesecake, ovvero torta di formaggio: uno dei dolci più amati della tradizione americana. Si potrebbe pensare che sia originaria della città di New York, dato che la versione più famosa è proprio la cosiddetta New York cheesecake, dove una crema di formaggio, uova e zucchero viene versata su una base di biscotti sbriciolati e mescolati con burro fuso; la torta viene poi servita fredda, dopo essere stata cotta in forno. Molte ricette di cheesecake invece non prevedono la cottura; in questo caso però la crema non contiene uova.
In realtà il dolce in questione ha origini ben più remote: i reperti storici giunti fino a noi fanno risalire la torta di formaggio all'epoca degli antichi Greci. Sembra che i primi ingredienti siano stati messi insieme ben 4000 anni fa, a Samonos, mentre nel 776 a.c. nell'isola di Delos, sempre in Grecia, un dolce a base di formaggio di pecora e miele veniva servito agli atleti durante i primi giochi olimpici, per caricarli di forze ed energie; e non mancava neanche nelle cerimonie di nozze, dove era abitudine servirlo come wedding cake.
Dai Greci la ricetta venne tramandata ai Romani, che la fecero conoscere in tutta Europa. In tempi più recenti arrivò poi in America, dove alla fine dell’Ottocento un lattaio americano di nome James L. Kraft, nel tentativo di riprodurre un formaggio francese, il Neufchatel, inventò il formaggio fresco pastorizzato a cui diede il nome di Philadelphia, in onore della città dove era stato creato. Qualche anno dopo iniziò la grande diffusione di questo nuovo prodotto che divenne anche il formaggio ufficiale per la preparazione della New York Cheesecake.
Stiamo quindi parlando di un dolce dalla storia millenaria e conosciuto in tutto il mondo, per cui non c'è da stupirsi che nel corso dei secoli abbia accumulato un numero incredibile di ricette e di varianti, ognuna con un sapore diverso, a seconda del tipo di formaggio usato come ingrediente principale. Il Philadelphia rimane forse quello più diffuso, il suo sapore delicato lo rende molto adatto per questo tipo di preparazione, mentre il Neufchatel dona alla torta più leggerezza e digeribilità. In Germania si usa il formaggio Quark, dal gusto ancora più intenso. In Asia la cheesecake viene preparata con polvere di té matcha, latte e mango, in Mongolia aggiungono lo zenzero, in America Latina si usa la marmellata. Gli islandesi utilizzano un formaggio tipico a base di latte acido chiamato skyr, in Finlandia va per la maggiore la versione con i frutti rossi, mentre in Svezia la cheesecake è rigorosamente cotta. 
In Italia viene spesso preparata con mascarpone o ricotta. Alcuni dei dolci più tipici e amati della nostra pasticceria sono in realtà delle varianti di cheesecake, pensiamo ad esempio alla pastiera napoletana o anche alla cassata siciliana o ancora alla torta alla robiola, la torta laurina tipica del Lazio.
Insomma, a ciascuno la sua cheesecake. E la mia? Qualche giorno fa ero alla ricerca di varianti non ancora sperimentate e ho trovato davvero tantissime cheesecake sul sito dell'azienda Galbani. È stato difficile sceglierne una, alla fine ho optato per una cheesecake a base di mascarpone, yogurt greco naturale e panna montata, e per la guarnizione ho sfruttato le buone fragole che in questo periodo la natura ci regala in abbondanza. Il risultato? Una torta cremosa e molto golosa, non troppo dolce, come piace a me, e che si scioglie in bocca ad ogni boccone!



Cheesecake allo yogurt con fragole e pistacchi

Ingredienti
250 g di mascarpone
250 ml di panna fresca da montare
170 g di yogurt greco bianco naturale
6 cucchiai di zucchero semolato
un cucchiaino di estratto di vaniglia
3 fogli di colla di pesce
250 g di biscotti secchi
125 g di burro
500 g di fragole
succo di mezzo limone
pistacchi di Bronte in granella q.b.

Preparazione

Per prima cosa togliere il mascarpone dal frigo e lasciarlo a temperatura ambiente. Tritare i biscotti nel mixer e raccoglierli in una ciotola.


Fondere il burro a bagnomaria, lasciar intiepidire, quindi versarlo nella ciotola con i biscotti tritati. Mescolare con una spatola e amalgamare bene. Distribuire il composto all'interno di un anello da pasticceria (22 cm di diametro), già posizionato sul vassoio da portata, e livellare compattando uniformemente. Pulire la circonferenza interna dell'anello per rimuovere eventuali briciole e porre il tutto in freezer per almeno 15 minuti.


Far ammorbidire i fogli di colla di pesce ponendoli in una ciotola con acqua fredda.


Versare la panna in un altro contenitore, tenendone da parte circa 4 cucchiai, aggiungere 3 cucchiai di zucchero e montare a neve ben ferma. Unire lo yogurt e mescolare delicatamente.


In un'altra ciotola lavorare il mascarpone per renderlo cremoso, aggiungere l'estratto di vaniglia ed incorporare il composto di panna e yogurt.


Sgocciolare e strizzare i fogli di colla di pesce, unirli alla panna messa da parte e porre nel microonde alla massima temperatura per qualche secondo. Controllare che la colla di pesce sia sciolta completamente prima di aggiungerla alla crema preparata.


Versare sulla base di biscotti e riporre in frigorifero fino a che la crema si sarà addensata (occorreranno almeno 6 ore).


Lavare le fragole, pesarne 200 g e tagliarle a tocchetti. Metterle in una padella insieme ai restanti 3 cucchiai di zucchero e bagnare con il succo di mezzo limone. Porre sul fuoco e far cuocere a fiamma bassa per circa 10 minuti, mescolando di tanto in tanto. Appena saranno abbastanza tenere da poter essere schiacciate con una forchetta, allontanare dal fuoco e far raffreddare.


Affettare le fragole rimanenti e spruzzarle con poco succo di limone. Sfilare l'anello dalla torta ormai ben fredda e ricoprirla in superficie con la salsa di fragole. Distribuire le fragole a fette tutt'intorno al bordo, come in foto.


Distribuire i pistacchi tritati lungo il bordo, nelle zone dove la crema è rimasta scoperta, e utilizzarli per decorare a piacere anche in superficie.
Riporre nuovamente la torta in frigo per altre 4 ore circa e comunque fino al momento di consumare.



Stampa la Notizia

8 commenti:

  1. Quel piattino è per me?
    Ottima scelta :)

    RispondiElimina
  2. Che spettacolo!!
    Ha davvero un bel aspetto la tua cheescake!!
    Ci credi che non l'ho fatta mai?!!!Mi sa proprio che dovrò provvedere :-)

    RispondiElimina
  3. Golosissima, ti è venuta uno spettacolo!

    RispondiElimina
  4. Grazie per tutte le informazioni molto interessante e tua cake deve essere favolosa. Non mi sono mai cimentata ma la tue prendo nota troppo dolce non fa per me. Un abbraccio e buona serata.
    😚

    RispondiElimina
  5. Di a Daniela che è per me ... 😆 Che bontà!

    RispondiElimina
  6. Uno splendore questa cheesecake!!!Il suo aspetto è magnifico e immagino tutta la sua bontà!!Davvero golosissima!!:).
    Grazie mille per la condivisione Maria Grazia e i miei migliori complimenti!!:)).
    Un bacione:)).
    Rosy

    RispondiElimina
  7. Magnifica e meravigliosa :) nonchè buonissima! Una fettina per me c'è??? Grazie anche per la spiegazione sulla derivazione della Cheesecake :D Interessante!

    RispondiElimina

Template by Dlmdesign.it