Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Nchiambara con pancetta e pecorino

Questa ricetta, assolutamente semplice, povera, essenziale, è un piatto tipico del territorio cosentino. Non so bene se il nome esatto sia 'nchiambara, o 'nghiambara, di certo si tramanda da tempo immemorabile, le nostre bis-bis-bisnonne la preparavano per le loro famiglie numerose, ai tempi in cui non ci si poteva permettere di mangiare altro che non fosse pane e cipolle. Durante la cottura la pastella che avvolge le cipolle diventa croccante fuori e rimane morbida dentro, con una tipica consistenza collosa; del resto, è fatta solo di acqua e farina. Eppure è gustosissima. Qui ho seguito la ricetta tradizionale, ma invece di preparare un’unica grande frittata ho realizzato delle mini 'nchiambare, presentandole con un ripieno di pancetta e formaggio e aggiungendo un pizzico di peperoncino.

Nchiambara con pancetta e pecorino

Ingredienti
100 g di farina
150 g circa di acqua fredda
1 cipolla di Tropea di media grandezza
vino rosso
olio extravergine d'oliva
sale
250 g di pancetta dolce a cubetti
50 g di pecorino fresco
un pizzico di polvere di peperoncino calabrese

Pulire la cipolla e affettarla a rondelle. Trasferire in un padellino (Ø 14 cm.) dove avremo fatto scaldare un po’ di olio. Appena inizia a sfrigolare bagnare con una spruzzata di vino rosso e far andare a fuoco dolce aggiungendo dell'acqua man mano che il fondo si asciuga (non deve friggere). Salare e portare a cottura.


Raccogliere la farina e una presa di sale in una ciotola, aggiungere l’acqua poco per volta, mescolando con una frusta e stando attenti a non formare grumi. Versare la quantità di acqua necessaria ad ottenere una pastella fluida ma non liquida.


Unire le cipolle con il loro fondo di cottura e mescolare. Far scaldare nuovamente il padellino utilizzato per la cottura delle cipolle e versare un mestolino di pastella. Far cuocere finché sul fondo risulterà dorata e asciutta, dopodiché girare la frittata e far cuocere dall'altro lato. Togliere la prima frittata dalla padella, ungere nuovamente il fondo e proseguire allo stesso modo con un altro mestolino di pastella. Con queste dosi si ottengono 4 frittate.


Nella stessa padella far appassire la pancetta a cubetti, fino a che risulterà croccante. Tagliare il pecorino fresco a cubetti e utilizzare pancetta e formaggio come ripieno delle mini 'nchiambare, ripiegandole a mezza luna (per ottenere una forma più regolare, tagliare ogni frittata con un coppapasta rotondo). Cospargere con un pizzico di peperoncino in polvere e servire.


Stampa la Notizia

3 commenti:

  1. che gustosissima ricetta Maria Grazia! io adoro le ricette tradizionali e non tramandate dalle nonne, ogni tanto penso alle loro menti geniali, a come riuscivano a portare in tavola del cibo nutriente con quattro ingredienti a loro disposizione e poi si dice che oggi si vede cucina creativa, ma quando mai??? tutti sono capaci di mescolare cioccolato o marmellata con qualcosa di salato e proclamarlo creativo (per me porcata) le vere menti erano le nostre bisnonne! brava bellissima ricetta

    RispondiElimina
  2. Ma che ricetta gustosa, che non conoscevo... grazie, la faccio sicuramente!!!!

    RispondiElimina
  3. La fame e la povertà ha acuito l'ingegno dei nostri avi, senza aiuto alcuno! Ed ecco una delle loro saporite creazioni. Grazie della condivisione.

    RispondiElimina

Template by Dlmdesign.it